GRECIA?

Rendiamoci conto di una cosa.
Quando le televisioni di tutto il mondo trasmettono le immagini degli scontri ad Atene, delle banche incendiate e dei morti, negli altri continenti si potrebbe pensare a un’Europa sull’orlo di una guerra civile. Tuttavia ad Atene, città con oltre tre milioni di abitanti, alla manifestazione per lo sciopero generale c’erano solo 18.000 persone, lo 0,16 per cento della popolazione greca. A tirare i sassi erano qualche centinaio e a incendiare la banca che ha provocato i morti sono stati cinque criminali. In pratica, il 99,84 per cento dei greci non c’era.
Aggiungiamo inoltre che gli impiegati statali — i più colpiti dalle misure di austerità decise da Atene —  non hanno mai fatto rivoluzioni socialiste, a quanto ci risulta.