L’alternativa

 

Stanotte ho capito una cosa: che la convinzione ribadita dai più — confermata dai sondaggi e presa quasi come un dato di fatto — secondo cui al governo e al premierato attuale non esiste alternativa, non è vera. Si tratta di un mito creato da chi ha avuto interesse a inculcare quest’idea, per mantenere il potere. Le vecchie dittature ci hanno insegnato che una menzogna, anche grossolana, ripetuta cento volte diventa una verità; e questo insegnamento è stato ripreso e applicato per anni, senza varianti creative, dagli attori del berlusconismo. Si è cominciato nel 1983, con le tette e i culi del programma televisivo Drive In, a inculcare gradualmente l’idea che il richiamo sessuale esplicito e marcato fosse ciò che gli uomini volevano, e la maggioranza della popolazione maschile ci è cascata. Ora, dopo una lunga e devastante involuzione, si è arrivati a credere — dopo esserselo sentiti ripetere migliaia, milioni di volte — che all’attuale formula di governo, retta dal potere del denaro e dall’affarismo assoluto, non c’è un’alternativa politica credibile. Un’altra enorme falsità che son riusciti a farci bere.