Rcs kaputt


Secondo la stampa, la partecipazione azionaria del gruppo Rcs nella controllata spagnola Unitad Editorial andrebbe svalutata in bilancio, al punto che potrebbe comportare la necessità di ricapitalizzare la Rcs stessa. Il valore di questa partecipazione attualmente iscritto nel bilancio è di 1 miliardo e 190 milioni di euro, ma secondo gli esperti della casa d’investimenti Kepler essa varrebbe in realtà un quarto: “circa 300 milioni, volendo essere generosi”.

Per gli analisti, “la situazione di Rcs è ben nota. Ha un business deteriorato, con un debito insostenibile anche agli attuali tassi favorevoli. Il management non è di qualità top. Se Rcs dovesse svalutare la quota in Unitad Editorial e dovesse pagare i tassi di mercato sul suo debito, il gruppo varrebbe ben poco dopo un aumento di capitale. Crediamo che Rcs sia in una situazione persino peggiore di Seat Pagine Gialle, che è stata bistrattata dal mercato negli ultimi due anni per via del suo debito e del business in calo e che ora vale ben poco. Ma crediamo che Seat P.G. sia una star in confronto a Rcs. Almeno Seat sta portando a termine un business model, mentre Rcs non ne ha uno”. Inoltre, prosegue Kepler, “i margini operativi di Seat sono solidi. Riteniamo che questo confronto sia utile per differenziale nel junk nello scenario media domestico. Al momento valutiamo l’azione Seat P.G. zero e non escludiamo una valutazione simile anche per Rcs nel prossimo futuro”.

(Fonte: MF Dow Jones)

Annunci