· 45


Pensa che prima di trovare la tua lettera “dubbiosa” avevo intenzione di raccontarti che stanotte ho avuto un incubo t r e m e n d o… tremendissimo e terribilissimo, in cui c’eri anche tu. Era molto contorto ma la scena più tremenda (e che mi ha svegliata) è stata quando, sull’orlo di un abisso, una donna dall’aspetto vampiresco e con delle unghie nere e lunghissime, mi ha artigliata per il polso, lacerandomi la pelle, e mi urlava in faccia che lei era morta ma se mi uccideva poteva prendere il mio posto e voleva buttarmi giù dal precipizio e io piangevo e con l’altra mano mi aggrappavo a te però lei era fortissima e mi strappava tutta la pelle del braccio e tu forse non saresti riuscito a trattenermi se continuava ma per fortuna mi sono svegliata, però mi batteva fortissimo il cuore e piangevo (cioè, oltre che nel sogno piangevo anche nella realtà da tanto era realistico il sogno!). Che angoscia! Be’, è solo colpa mia dato che ieri, quando ero già a letto sotto le coperte, ho iniziato a leggere l’ultimo numero di Dampyr appena acquistato ed era disegnato da Luca Rossi, mio disegnatore preferito, e c’erano delle scene spaventosissime che sicuramente hanno causato il mio incubo! Dopo ho dovuto lasciare la luce dell’ abat-jour accesa, perché se la spegnevo mi rivedevo quelle scene e mi sembravano vere! Nella confusione del momento credevo davvero che qualche essere soprannaturale potesse venire a uccidermi! Che stupida! E poi, visto che c’eri anche tu nel sogno, ho pensato a te e dopo un po’ mi sono calmata e riaddormentata… ma pensa che bello se tu ci fossi stato davvero! Mi sarei rannicchiata vicino a te come facevo da piccola con mio padre senza svegliarlo e mi sarebbe passato tutto! Stasera cos’altro potrei leggere di terrificante? Ci penserò!