· 47


Oggi ho
lavorato alla mia documentazione, poi ho fatto qualche lavoretto fuori (sempre quelle pulizie, e quella polvere!), poi ho fantasticato. Non ti ho detto che ieri mi si è gonfiato un occhio: una specie d’infezione a una palpebra che mi rende orribile. Però si sta già sgonfiando, anche grazie a una pomata antibiotica che avevo. Ho anche riposato un po’ sul divano. Quando t’immagino sei sempre sorridente: l’entusiasmo per la vita che mi stai infondendo è un grandissimo dono. Ma non lo so ancora incanalare a dovere; sono disordinato nei pensieri e negli stimoli, e non riesco a far bene il lavoro che dovrei. Ma voglio riuscirci, voglio diventare metodico ed efficace come te. Imparerò: tu sarai la mia educatrice. Avere un’educatrice come te penso sarebbe un’enorme fortuna per chiunque. E io posso godere di un privilegio incredibile.