· 65


Mi capita
sempre più spesso di pensare a tuo padre, anche oggi, e non so perché. È come se volessi offrirgli un tributo per quello che ha fatto e per il bene che ti vuole. Mi piacerebbe essere suo amico, perché sono convinto che è una grande persona (forse tutto il contrario di me!). Ma forse siamo diversi come il giorno dalla notte e saremmo incompatibili anche come amici. Chi lo sa? Di certo vorrei aver avuto un altro padre, che almeno mi avesse fatto da maestro, invece che indicarmi solo scorciatoie. Un po’ di etica non mi avrebbe fatto male, secondo me.
Quanto a te, penso che sei come una formula alchemica misteriosa e stupefacente, che supera i canoni della realtà. Peccato che la vita che mi resta non sia sufficiente a studiarla a fondo, per riuscire a impadronirmene. Dunque, tuo padre è un Filosofo nel senso di “scopritore della sapienza racchiusa nei segreti del mondo naturale”: così si consideravano e si definivano gli alchimisti nell’accezione più nobile del loro magistero. In pratica, lui ti ha forgiata nella forma e nella sostanza più nobili che esistano in natura.


Annunci