Facebook forever

A Wall Street, Facebook prosegue il recupero, dopo il clamoroso tonfo successivo al collocamento in Borsa – avvenuto come sappiamo a un prezzo spropositato. Con il +5% di ieri l’altro, il titolo è salito a 24,32 dollari. A sorpresa, dal 13 novembre scorso, giorno in cui su 804 milioni di azioni è scaduto il lock up (vincolo di non vendere il titolo prima di un certo termine), il rialzo è stato del 22%.

I dipendenti azionisti e tutti quelli che a cui son state assegnate le azioni prima della quotazione in Borsa stanno verosimilmente vendendo: lo confermerebbero i volumi di scambio, che son stati superiori alla media. Dunque, pare che a fronte delle massicce vendite ci siano dall’altra parte dei compratori pronti a scommettere sulla società e sulla crescita della pubblicità. I “facebookiani” sono avvisati: si preparino a un aumento dei banner nelle loro bacheche.

Nel frattempo, la società ha annunciato un nuovo passo nel processo che porterebbe alla totale unificazione dei vari livelli del profilo. Gli utenti potranno usare senza restrizioni il servizio di condivisione di immagini e fotografie sugli smartphone gestito da Instagram, una società che Facebook ha acquisito in aprile, poco prima di quotarsi, per 1 miliardo di dollari: un prezzo a dir poco sbalorditivo, anche per gli standard “fuori di testa” delle valutazioni delle società di social network economy. Solo due settimane prima della transazione, Instagram aveva raccolto 50 milioni di euro di capitali, su una base valutativa di mezzo miliardo di dollari. Roba da matti.

 

Annunci