Gli stranieri che hanno il debito pubblico italiano


Dal 28 novembre 2011, quando ci fu il “Btp Day” per promuovere l’acquisto dei nostri titoli di Stato, il valore dei Btp è cresciuto del 26%. Un ottimo affare per gli italiani che hanno comprato i titoli del debito pubblico, mentre gli investitori esteri scappavano.

Da quando è scoppiata la crisi italiana nella forma più virulenta, nel giugno 2011, la fuga è stata significativa: secondo quanto dichiarato da Maria Cannata, direttore generale del Debito pubblico del Tesoro, nell’arco di un anno la quota del nostro debito detenuta dagli investitori esteri è crollata dal 51% all’attuale 35%.