brandelli

telephone

È la prima volta dopo molto tempo che ricordo brandelli di sogno. Mi trovavo in una specie di azienda od organizzazione e il mio ruolo era importante, visto che l’emissario del capo mi diceva: “Ora vado a consultarmi e poi decideremo la mossa da fare. Questo momento è molto delicato”. Ma io, invece di restar lì in attesa di disposizioni, tornavo a casa, convinto che questo non avrebbe avuto conseguenze; poi prendevo il telefono per chiamarli e avere notizie e sentivo all’altro capo le loro voci che mi cercavano: “Niente da fare, non c’è”; “Non risponde, non si trova”. Io dicevo “Sono qui, pronto, pronto!”, ma loro mettevano giù. Allora tornavo a chiamarli, ma all’improvviso mi arriva la telefonata di un amico con cui faccio affari: mi cerca, ha bisogno di me. “Posso richiamarti fra un minuto?” gli chiedo tutto concitato. “Eh, buonanotte!” risponde lui, “Allora lasciamo perdere”. “No, no, aspetta, ma che dici?”, insisto. Doveva solo aspettare un po’ e ci saremmo parlati, che problema c’era? Mai successa una cosa del genere. “Aspettami che ti richiamo”, ripetevo, ma lui voleva chiudere: “No, lascia stare, non si può”. Così la cosa mi sfuggiva dalle mani, mentre dall’altra parte quelli che mi cercavano probabilmente concludevano che m’ero eclissato e reso irreperibile, con tutte le conseguenze che si possono immaginare. Una catastrofe, insomma. Poi mi son svegliato. Un po’ storto, va da sé.

 

Annunci