Il favore popolare

Chi pertanto diventa principe con l’aiuto del popolo, deve conservarselo amico; il che gli riesce facile, dato che il popolo non chiede altro che di non essere oppresso. Ma chi, contro il popolo, diventi principe con l’aiuto dei nobili, deve innanzitutto cercare di conquistarsi il popolo, il che gli riuscirà facile se lo prenderà sotto la sua protezione. Gli uomini, infatti, sono più grati quando ricevono il bene da chi credevano dovesse dar loro il male, e il popolo diventa subito amico del principe, più che se il principe stesso fosse stato condotto al principato dal favore popolare. Il principe può conquistare il popolo in molti modi, che variano secondo le circostanze, ma di essi, non potendosi dar qui una norma sicura e costante, non tratterò affatto.

Niccolò Machiavelli, Il Principe (1513), IX-5, versione contemporanea di Piero Melograni, Mondadori, Milano 2013

Annunci