Rompere le strutture

image-work-chiari_beethoven_sinfonia_n_9_in_d_minore_opera_125_pensieri_e_immagini_di_daria-4620-450-450

Rompere le strutture della partitura musicale significa aprire alla possibilità “multipolare” della forma, dove fine e inizio perdono significato comune, e l’ascolto segue la continuità del cerchio formale, reinterpretandone sempre i contorni.

Può essere un modo per cercare l’abolizione delle frontiere fra le arti: musica e architettura, pittura, scultura, poesia. Non più contrapposte, ma commiste e intersecantesi, nell’intento di trasporre — ad esempio — nel dominio della pittura le suggestioni musicali, come faceva Kandinskij nelle sue prime opere astratte (gli acquarelli del 1910).

982640510

Le risonanze ritmiche vengono trascritte sulla tela, come figurazione “plastica” e materiale delle partiture musicali (vedi Hartung, Wiels, Mathieu, Bryen). Siamo nella pittura di gesto, con cui si vuole creare lo spazio lasciandosi guidare dal caso (le hazard). In fondo, ad animare il mondo sono forze oscure, e all’origine del mondo c’era in caos (che etimologicamente significa vuoto, spalancato). E il gesto creatore di spazio vuol dare forma e significato a questo vuoto originario.

georges-mathieu-1341871951_b

Hartung-1975-senza-titolo-cm-100-x-81

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...