# 36

url

Per fortuna non avevo scritto un noir, con omicidi, sangue e crudeltà varie, altrimenti mi sarebbe toccata l’analisi dei delitti insoluti di celebri località di provincia, roba da rivoltare lo stomaco. Già ne ebbi abbastanza col primo libro: per aver spazio e farsi notare ci si doveva fingere esperti di serial killer e procedure poliziesche, nonché lettori competenti di cronaca nera e – ovviamente – amici degli scrittori del Cartello. Era necessario anche solo per avvicinare i giornalisti culturali, che fanno finta di leggere il libro e possono caldeggiarne la lettura in qualche foglio pilotato. Fu allora che fiutai l’aria e decisi di cambiare genere. Se fossi rimasto nel campo omicidi non avrei combinato granché, ormai ogni settore era saturo. Troppo esiguo l’habitat, anche se la propaganda lo spacciava per un campo promettente, e troppo forti gli autori stranieri: così, il pezzetto di torta che resta a quelli nostrani è talmente prezioso che non può esser lasciato a chiunque arrivi. Venire accuratamente ignorati e emarginati non può che essere la regola.

Annunci

Un pensiero riguardo “# 36”

  1. l’unico modo per scusarmi…troppo istintiva e superficiale..in tutti i campi non è certo il talento che viene premiato..chi detiene il potere(il capitale) decide a chi dare le possibilita’..molti libri che risultano tra i piu venduti sono scritti male..trame ripetitive..nessuna ricerca sul linguaggio ….Louise fb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...