#47

url

Quando abitavo in collina avevo un vicino che teneva tre cavalle libere nella sua terra e ogni tanto veniva a trovarmi. Un giorno venne con gli attrezzi a potare un paio d’alberi che ne avevano bisogno, soprattutto un prugno (ornamentale, non da frutto, con le foglioline rosso scuro, quasi marroni) dall’aspetto annoso. Per molto tempo non era stato potato, così i rami nuovi e i cosiddetti “succhioni” erano cresciuti per i fatti loro, andando a formare intrichi fitti e disordinati. In più, l’ultimo l’inverno c’era stata la grossa nevicata (a marzo, nientemeno) che aveva creato col suo peso delle aree di oppressione così forti — anche per gli intrecci fitti che formavano come tettoie, gravate da centimetri e centimetri di neve — che un grosso ramo si era spezzato, danneggiando quelli vicini. E, visto che un altro ramo grosso s’era rotto nella nevicata dell’anno prima, l’albero era mutilato in maniera brutale. Così, io e Umberto salimmo sulle scale e tagliammo e segammo, soprattutto lui che è il potatore, mentre io davo una mano seguendo le sue direttive. Quando dovemmo tagliare il ramo penzolante, insieme a quelli vicini danneggiati, l’albero si ritrovò squilibrato, con quei brutti succhioni che puntavano in alto ad intricare ulteriormente gli intrecci di rami. Alla fine il prugno era molto sfoltito, meno imponente, con grandi varchi nella chioma invernale. Ma almeno s’erano aperti gli spazi di luce necessari al suo sviluppo. Ora spero che abbia ripreso forma e stia meglio di prima, come sta succedendo a me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.