Writing 59

000 Alfred Eisenstaedt Students at the University of Iowa 1961

La tua grandezza è sia nell’insieme, sia nei dettagli, e così la tua bellezza: lo capisco pensando e riflettendo sul mondo, sulla vita, su cosa posso essere. È qui che mi si svelano pezzi di te.  Ed è in questo modo che mi accompagni tutti i giorni, che diventi un riferimento. La cosa mi tiene un po’ in subbuglio, è vero: ma è questo che muove la vita, che le fa svolgere quella funzione imprescindibile, fisiologica, senza la quale non sarebbe. Averti incontrata prima, aver condiviso con te, averti amata, aver gioito di te penso che mi avrebbe salvato. Ma sono ancora in tempo, e non mi sono mai perso veramente, come dici: è proprio così, il mio nocciolo rimane, la mia forza è solo rimasta in sonno, e il rammarico non deve esistere.