# 32

8176OP1137AU13251

L’orrore è quanto di più normale vi sia, nella vita umana. Mentre la felicità si manifesta a frammenti, simili a schegge incidentali, il dolore forma scie e segue direttrici: raramente è frammentario, il più delle volte si effonde e pervade protervo, come se il mondo gli appartenesse.

Vocazione

url

Accade di trascorrere anni sentendosi distolti da ciò che veramente si vuole, da ciò che si sente come la propria vocazione. Si pensa che se si avesse più tempo a disposizione ci si potrebbe dedicare a ciò che veramente si desidera. Poi, quando questo tempo lo si riesce a conquistare, uno stato d’impreparazione, o di rilassamento, o di distrazione sembra aver annullato il desiderio e la volontà. Così, la vocazione non pare più tale, oppure si tratta solo di ritrovare se stessi. Prima si lavorava tanto, anche in modo cinico e spregiudicato, e ci si era persi. E adesso si è ancora disorientati e lontani dal proprio “sè”, non solo a causa di situazioni esterne, ma anche perché concentrarsi su di sé è difficile e doloroso. Così ci si trova sempre a distrarsi, a pensare ad altro, magari anche cose belle e importanti, anelate, ma questa distrazione fa sì che tutto intorno sembri perdere senso, diventi faticoso e senza scopo tangibile, senza focalizzazione, senza spinta interiore a impegnarsi per qualcosa. Si pensava che nella letteratura potesse trovarsi la salvezza, invece non la si è trovata, e la presunta vocazione s’è rivelata fallace. Ma scrivere è anche catartico, purifica, e al di là di tutto sarebbe una fatica benefica.