IL BAVAGLIO

Il Disegno di legge attualmente presentato in Parlamento — Norme in materia di intercettazioni telefoniche etc., p. 24, alla lettera a) del comma 29 recita:

«Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono.»

Secondo l’allarme lanciato oggi da Wikipedia, i pilastri del suo progetto in rete — neutralità, libertà e verificabilità dei suoi contenuti — rischiano di essere fortemente compromessi dal comma 29 del cosiddetto “DDL intercettazioni”:

Tale proposta di riforma legislativa, che il Parlamento italiano sta discutendo in questi giorni, prevede, tra le altre cose, anche l’obbligo per tutti i siti web di pubblicare, entro 48 ore dalla richiesta e senza alcun commento, una rettifica su qualsiasi contenuto che il richiedente giudichi lesivo della propria immagine.

Purtroppo, la valutazione della “lesività” di detti contenuti non viene rimessa a un Giudice terzo e imparziale, ma unicamente all’opinione del soggetto che si presume danneggiato.

Quindi, in base al comma 29, chiunque si sentirà offeso da un contenuto presente su un blog, su una testata giornalistica on-line e, molto probabilmente, anche qui su Wikipedia, potrà arrogarsi il diritto — indipendentemente dalla veridicità delle informazioni ritenute offensive — di chiedere l’introduzione di una “rettifica”, volta a contraddire e smentire detti contenuti, anche a dispetto delle fonti presenti.

In questi anni, gli utenti di Wikipedia (ricordiamo ancora una volta che Wikipedia non ha una redazione) sono sempre stati disponibili a discutere e nel caso a correggere, ove verificato in base a fonti terze, ogni contenuto ritenuto lesivo del buon nome di chicchessia; tutto ciò senza che venissero mai meno le prerogative di neutralità e indipendenza del Progetto. Nei rarissimi casi in cui non è stato possibile trovare una soluzione, l’intera pagina è stata rimossa.

L’obbligo di pubblicare fra i nostri contenuti le smentite previste dal comma 29, senza poter addirittura entrare nel merito delle stesse e a prescindere da qualsiasi verifica, costituisce per Wikipedia una inaccettabile limitazione della propria libertà e indipendenza: tale limitazione snatura i principi alla base dell’Enciclopedia libera e ne paralizza la modalità orizzontale di accesso e contributo, ponendo di fatto fine alla sua esistenza come l’abbiamo conosciuta fino a oggi.

Sia ben chiaro: nessuno di noi vuole mettere in discussione le tutele poste a salvaguardia della reputazione, dell’onore e dell’immagine di ognuno. Si ricorda, tuttavia, che ogni cittadino italiano è già tutelato in tal senso dall’articolo 595 del codice penale, che punisce il reato di diffamazione.

Con questo comunicato, vogliamo mettere in guardia i lettori dai rischi che discendono dal lasciare all’arbitrio dei singoli la tutela della propria immagine e del proprio decoro invadendo la sfera di legittimi interessi altrui. In tali condizioni, gli utenti della Rete sarebbero indotti a smettere di occuparsi di determinati argomenti o personaggi, anche solo per “non avere problemi”.

http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Comunicato_4_ottobre_2011

Scilipoti vola

«Roma 30.06.2011: – L’on. Domenico Scilipoti (MRN) si è recato a Londra, presso la Camera dei Lords, per un incontro informale su invito di Lord Thomas Taylor, già Presidente del Consiglio Consultivo di Energia Elettrica e Presidente Nazionale dell’Autorità per l’Istruzione del Regno Unito, nonché consulente di varie Holdings e fondatore del Consiglio dell’Università di Lancaster.
Nell’occasione vi è stato un proficuo scambio di idee su tematiche importanti che interessano i due Stati quali le condizioni e le problematiche relative al mondo della scuola, alla disciplina delle intercettazioni telefoniche, alla medicina non convenzionale, all’ambiente e alle fonti energetiche rinnovabili.
L’incontro si è concluso con lo scambio reciproco dell’impegno di un futuro confronto, programmato per il prossimo autunno».

Liberarsi

Non so perché, ma ho l’impressione che il tema prioritario degli ultimi giorni sia diventato questo. Pare che per nessun Presidente del Consiglio dei Ministri, nell’era repubblicana, si sia posta la questione in maniera tanto radicale; e fa impressione vedere quanto sia stato breve il passo dall’assoluta priorità della legge sulle incercettazioni (cosiddetta legge-bavaglio) all’assoluta priorità della cacciata del Premier (con la legge sulle intercettazioni rimessa nel cassetto). Davvero stupefacente.