Writing 5

400full

In effetti, sembri ancora bambina. E sei adorabile anche per questo. T’avessi conosciuta in un altro spazio temporale, t’avrei capita subito, ma sono arrivato tardi. Eppure ci siamo “riconosciuti” lo stesso, pur nelle ristrettezze e nelle impossibilità del presente, con tutti questi schermi e queste formule e queste interferenze in mezzo. Io me ne sono accorto quando ho sentito quella comprensione sotterranea che scorreva oltre le parole, e ti vedevo protesa: un po’ sembravi soffrire, così non potevo lasciarti nel vuoto, era naturale che t’avrei seguita. Sotto c’era il desiderio di proteggerti, e forse tu lo sentivi. La cosa più bella, comunque, è quando si riesce a essere se stessi senza preoccuparsi: la nitida libertà di esistere, senza doversi giustificare.

Keep on believin'

 

url

Ci arriverai, perché sei troppo brava e volenterosa, hai troppo talento. E poi ispiri fiducia e simpatia, e sprizzi un’intelligenza densa e palpabile. Hai un grande futuro, si tratta solo di fare i percorsi giusti. E se qualcuno insinua che devi rinunciare a quello in cui credi, che devi rassegnarti, se qualcuno si permette una simile arroganza, non devi ascoltarlo, perché non può sapere chi sei. Vai avanti, ma senza indurirti: devi rimanere te stessa. Consapevole del tuo valore, mai soggetta alla prevaricazione e alla supponenza altrui. Nessuno può impedirti di esprimerti liberamente, perché hai una personalità bella forte: e ogni nuovo tassello andrà ad arricchire il patrimonio che hai dentro, per riprenderti i tuoi diritti.

Don't stop believin'

url

Quando non ci sei, questo posto perde personalità. La cosa è evidente. Sei tu a dargli un’impronta, per come ti muovi, per come guardi, per come ti apri all’altro. Per come sorvegli. Il tuo esserci è diverso: per questo non devi aver paura. Tu sei stabile, decisa ad andare avanti senza incertezze, mentre è lei precaria, a un passo dall’essere spazzata via.

# 24

linda-evangelista-by-helmut-newton

Non riuscire a pensare perché si deve correre a fare cose, che s’accavallano le une alle altre, portando a risultati senza senso. Correre, avere sempre fretta, non godersi nessuna giornata, faticare, e chiedersi costantemente il perché, senza intuire alcuna risposta. Questa è vita. Salvo fermarsi, ogni tanto, a sorridere a qualcuno che ti sorride.