Grillo JP Morgan

jpmorganGRILLO

Dopo la rielezione di Giorgio Napolitano alla Presidenza delle Repubblica, vediamo cosa pensa la banca d’affari statunitense J.P. Morgan.
In una nota di ricerca, ha fatto la raccomandazione di acquistare titoli di Stato della periferia dell’Eurozona, quindi anche italiani, con la motivazione che la rielezione di Napolitano allontanerebbe il rischio immediato di elezioni anticipate. Perché è questo, a quanto pare, lo spauracchio principale per i mercati. J.P. Morgan scommette dunque su un governo di larga coalizione “pilotato” dal Capo dello Stato; quanto al Partito Democratico, ne segnala la situazione di “rischio esistenziale” (cosa evidente a molti).
Si osserva che molti nostri investitori sarebbero “scarichi” di titoli italiani, e quindi, con la ripresa generale degli acquisti, sarebbero costretti a comprarne anche loro, contribuendo al calo dei tassi e dello spread. Che gli investitori esteri stiano rientrando in acquisto sui nostri titoli di Stato l’hanno già segnalato il Fondo Monetario Internazionale e la Banca d’Italia: pare dunque che la cospirazione di cui tanto si parla non ci sia (anche perché non si capisce a chi gioverebbe cospirare contro l’Italia). Nessuno ha cospirato, pare, contro la Grecia o l’Irlanda o il Portogallo: soprattutto perché si è capito che, se qualcuno viene espulso dall’Euro, poi rischiano di uscire tutti. E l’ipotetica esplosione di un Paese come l’Italia arriverebbe a distruggere l’Eurozona, provocando un piccolo “tsunami” nel resto del mondo.

Qui non si è ancora risolto nulla, ovviamente. Difficile pensare ad un governo di “svolta”, è più probabile un governo di “manutenzione”, che servirà soprattutto a rassicurare i mercati (che, come si sa, reagiscono nell’immediato). Il Partito Democratico è al capolinea, il movimento di Grillo è sempre confuso e immobilizzato. Grida e minacce, per lo più a vuoto. L’apparato politico istituzionale è granitico: non basta improvvisare comizi via web per incrinarlo. Sul piano delle riforme economiche i 5Stelle hanno solo ricette salvifiche suggestive, che servono al capopopolo per assumere il ruolo di “protettore” della democrazia, che impedisce lo scatenarsi di una guerra civile.
Naturalmente, i riti di “democrazia diretta” via Web fanno ridere: solo chi è poco avvezzo alla navigazione in Rete può prenderli sul serio. Sia per le “parlamentarie” sia per le “quirinarie” non si è potuto sapere né il numero dei partecipanti online né i voti ottenuti dai vari candidati. Così, accade che i primi due “designati” dal popolo della Rete lasciano il campo al terzo, il giurista che sembra essere il più pericoloso per il Pd, vista la sua personalità e indipendenza. Tutto fa molto marketing: il tentativo di un’operazione “virale” (come quelle che vanno di moda), che non è riuscita perché qui l’accesso alla Rete è ancora limitato e frammentato.
Sembra chiaro che la priorità di Grillo sia di annientare il Pd, ovvero di nutrirsene, prendendogli la fascia di elettorato più arrabbiata e suggestionabile. Tanta democrazia, a parole: ma l’intento è quello del plebiscitarismo (vuole il 100% dei voti) e del divieto di dibattito interno vero. Sotto certi aspetti sembra l’altra faccia della medaglia che raffigura il capo del Pdl: addirittura estremizzato, per questo fa così paura. Perché quel che accadde nel 1994 potrebbe accadere ancora.

 

Efficienza etica

operai_manifatturieri


L’accumulazione del capitale continua ad avere un valore primario. E non potrebbe essere altrimenti, visti l’epoca e il mondo in cui viviamo. Mondo economico in cui – scriveva Keynes – non sono assicurate né la piena occupazione, né l’equa ripartizione della ricchezza e del reddito, che è arbitraria. Da qui la grande distanza che si è creata fra etica e capitalismo. Finché l’economia sarà una scienza di stampo matematico, in cui si applicano modelli in un contesto sperimentale asettico, riferiti a un puro concetto di economia di mercato, qualsiasi considerazione di tipo storico-istituzionale o etico sarà poco influente. A dispetto del fatto che il capitalismo è comunque una forma di organizzazione storica, quindi ben suscettibile dei cambiamenti che l’evoluzione storica imprime al mondo. E poi, l’economia non è autonoma come scienza in sé, ma è interdipendente con lo Stato di diritto, col quale forma una specie di corpo unico. Quindi, se lo Stato non può dissociarsi dall’etica, non può farlo neanche l’economia. E l’idea che l’economia sia capace di auto-regolarsi, al di là dei fattori politico-sociali, è un’illusione. Imporre l’etica ai mercati attraverso le istituzioni finanziarie è un’altra illusione: l’attività finanziaria lecita non si è poi rivelata moralmente superiore ad altre sue forme illecite, penalmente sanzionate. Insomma, l’assunzione delle regole di mercato come precedenti a tutto, anche alla politica (che vi si deve conformare), non funziona. Almeno, non funziona per creare un mondo in cui si possa combattere la povertà. Forse la povertà non la si vuol combattere perché, se non esistesse povertà, allora non esisterebbe nemmeno la qualifica di “benestante”, e lo status di “ricco” sminuirebbe la potenza del suo significato. Resta il fatto che, stando al buon senso, sarebbe il principio economico a doversi assoggettare alla politica, e non viceversa. Le riforme che vengono proposte dovrebbero rafforzare la partecipazione dei cittadini alla gestione politica del bene comune, e non perseguire solo criteri di efficienza economica, anche a danno dell’interesse dei cittadini.

 

Qualcosa accadrà (2)

grillo-bersanicrollo borsa


Come s’è visto, i risultati delle nostre elezioni hanno dato una mazzata ai listini di Borsa, soprattutto a quello di Piazza Affari. I titoli più colpiti sono stati quelli bancari, ovviamente, che hanno trascinato l’indice Ftse-Mib sotto di quasi il 5%. E lo spread fra il BTP e il Bund, manco a dirlo, è decollato di una cinquantina di punti.
Nulla di buono si vede all’orizzonte. Quando Pierluigi Bersani, all’inizio della conferenza stampa del dopo-elezioni, traccheggia mettendo gli occhiali, spostando il microfono, togliendosi gli occhiali, tentando qualche parola, poi rimettendosi gli occhiali e risistemando il microfono, poi ritogliendosi gli occhiali, non dà un buon segnale. Questa scena fa intuire la qualità della nuova situazione politica, che molti paragonano a un classico vicolo cieco. Anche se lui è deciso a formare un Governo e dice che “non abbandona la nave”, molti pensano che se la nave l’avesse abbandonata prima, quand’era il momento, liberando l’apparato del partito dalle sue zavorre, ora la situazione politica sarebbe più chiara.
L’unico che sembra sapere che pesci pigliare è il solito Berlusconi, un vero asso, già pronto a un accordo di governo col nemico, per trattare un opportuno – se non necessario – salvacondotto per sé e per le sue imprese. Intanto, Bersani comincia a blandire il Movimento 5 Stelle con qualche proposta di forte appeal (tipo provvedimenti anti-casta, ma fuori tempo massimo), per tentar di guadagnare un consenso molto aleatorio; sembra però che i grillini vogliano andare a sedersi in riva al fiume e aspettare, per veder passare il cadavere di qualunque governo creato dal Presidente della Repubblica, considerato anch’egli un residuato.
Il sistema politico è in decomposizione, ormai appare chiaro. I moniti alla responsabilità che vengono dall’Europa e dalla Germania susciteranno forse il senso di colpa di qualcuno, ma non di questa nuova generazione politica, che quei danni non ha contribuito a creare, e che quindi si sentirà con le mani libere. In questa situazione, è difficile pensare che gli investitori stranieri corrano a comprare il debito italiano; ma lo scenario non è ancora definito. Non sarà esclusa nemmeno una manovra economica aggiuntiva, che il nuovo premier potrebbe dover varare per coprire un buco di circa 14 miliardi lasciato dal suo autorevole predecessore.
Dunque, per ora possiamo solo citare il titolo di un famoso racconto di Heinrich Böll: Qualcosa accadrà.

 

governare?

sondaggio-elezioni-2013

Dunque, di fatto le elezioni 2013 non le ha vinte nessuno, visto che nessuno ha la maggioranza per formare un nuovo governo. Dicono che i vincitori “morali” siano Beppe Grillo, che ha creato dal nulla un partito e lo ha portato al trionfo, e Silvio Berlusconi, che ancora una volta è resuscitato dopo esser stato dato per morto. Il centro montiano, su cui puntavano molti osservatori internazionali, ha fatto un mezzo flop ed è diventato poco influente per la futura vita politica. Dicono che non gli abbia fatto bene aver stretto un’alleanza con l’ex portavoce di Forlani e con l’ex missino Fini. Di certo ha perso il PD, che credeva di avere la vittoria in tasca e quindi non si è sprecato a fare campagna elettorale, perdendo di vista molte cose, fra cui il grande bisogno di risposte che hanno gli elettori, soprattutto sul tema delle tasse.
Ridurre il carico fiscale degli italiani sembra essere la vera priorità, e la sinistra non è il candidato ideale a prendersi questo impegno. Ora, se si vorrà governare sul serio (e il non farlo, cioè limitarsi a sopravvivere, sarebbe fatale) si dovrà ricorrere a quelle che all’estero vengono chiamate “grandi intese”, mentre da noi sono definite più prosaicamente “inciuci”, funzionali soprattutto alla sopravvivenza degli apparati politici.
Ma qui funziona così, non c’è da fare. E i mercati – ovviamente – hanno reagito male, perché un’Italia che probabilmente non riuscirà a darsi un governo diventerà sempre meno affidabile. Prestare soldi al nostro Paese sarà più rischioso, quindi chi deciderà di farlo pretenderà di essere renumerato di più. Così, la collettività dovrà pagare più interessi sul debito pubblico, e si ritroverà sempre più povera. Con la conseguenza che, invece di sperare di vedersi rimborsare l’IMU, bisognerà aspettarsi di vedersela aumentare.
L’ipotesi di uscire dall’Euro e non pagare più i nostri debiti è semplicemente folle, avrebbe effetti devastanti sulla vita di tutti, tranne forse i più ricchi, quindi è un tema assolutamente demagogico. Il problema, ormai chiarissimo, è che manca una classe dirigente seria e preparata, che possa risanare il paese senza millantare ricette miracolistiche, facendo un lavoro di riforme che non abbia paura di scontentare le caste e consorterie: quelle che coi loro privilegi tengono in ostaggio il Paese.

 

Chi ha inventato i “Derivati”

mps

Nei primi decenni del ‘600, grazie all’eccitazione mercantile dovuta alla scoperta dell’America e all’introduzione sui mercati europei di ingenti quantitativi di oro, argento e derrate alimentari, provenienti dal nuovo continente in via di espoliazione, gli europei creano “la borsa valori delle merci e dei preziosi” di cui Amsterdam diventa il centro propulsore. Il Monte dei Paschi di Siena, la più solida e antica banca europea (fondata nel 1472) diventa il più forte istituto di credito finanziario dell’epoca, luogo di incontro della finanza vaticana e delle rendite finanziarie delle oligarchie aristocratiche europee che lì si incontrano per scambiarsi i loro titoli e creare le grandi rendite patrimoniali europee.  Nel 1593, il Monte dei Paschi di Siena finanzia Johannes Van Bommel, un grande mercante dell’epoca, il quale importa dalla Turchia i bulbi di tulipano, investendo nella loro coltivazione. Qualcosa di inspiegabile però accade. Anche se da allora sono trascorsi 400 anni, seguita a rimanere un mistero della mente umana. I tulipani diventano ben presto una specie di feticcio della neo-nata classe borghese mercantile, dando vita a una gigantesca febbre collettiva che invade tutta l’Europa. Gli storici e gli antropologi inglesi hanno addirittura coniato il termine “tulipomania” parola che, da qualche anno, indica una specie di malattia dello spirito che porta gli individui a speculare in borsa su “qualcosa di evanescente che non esiste”. Poco a poco, in tutto il continente si diffonde la mania dei tulipani che diventano ben presto un vero e proprio social status. Dovunque, da Lisbona fino a Roma, da Glasgow fino alla lontana Varsavia, gli europei si gettano nell’investimento di azioni dei bulbi di tulipano e in tutto il continente si aprono agenzie di cambio locale, gestite in appalto dal Monte dei Paschi di Siena. Al mattino si apre la contrattazione ad Amsterdam e alle 15 partono a cavallo i corrieri con i risultati del giorno, attraversando tutta l’Europa per andare a negoziare i titoli nelle diverse capitali. Ben presto, l’Europa comincia a diventare piccola e le capitali entrano in veloce contatto tra di loro, dando vita alle prime società di trasporto continentali. Nel 1605 la domanda di bulbo di tulipano raggiunge livelli vertiginosi di costo. Vengono attribuiti nomi curiosi e strani ai bulbi e le famiglie di possidenti investono ingenti quantità di denaro su questo fiore. Nel 1623, un certo bulbo di tulipano, di un colore magari raro, arriva a costare il corrispondente di oggi di circa 50/70 mila euro. Il record viene toccato dal “semper Augustus” che viene contraccambiato nel 1630 per la cifra vertiginosa di 100.000 fiorini, pari a 250.000 euro odierni. In quell’anno, un certo Messer Cucinotti, ragioniere plenipotenziario di Monte dei Paschi di Siena nella sede di Amsterdam ha un’idea che seduce l’intera Europa: “la speculazione sui derivati finanziari” che lui inventa e codifica, in uno splendido testo di follia delirante finanziaria (si trovano i testi dell’epoca nella “Biblioteca pelagia di parte guelfa” a Firenze) con il termine “commercio del vento” o altrimenti detto “commercio finanziario delle nuvole”. Il Monte dei Paschi di Siena stampa dei contratti di assicurazione sul titolo dei bulbi e poi li assicura presso una loro filiale a Londra, la quale ne rivende –a prezzo maggiorato- il potenziale profitto di lì a sei mesi. Chi acquista quel titolo, lo rivende a un altro prezzo maggiorato e così via dicendo, per cui uno stesso titolo di possesso di un bulbo tocca il record nel 1632 di 186 proprietari della stessa azione a prezzi completamente diversi: la stessa azione vale 1 oppure 8 oppure 75 a seconda di quando è stata acquistata e da chi. La banca senese dà prestiti per acquistare bulbi di tulipano e raccoglie in garanzia proprietà immobiliari e terre coltivate, creando una massa finanziaria speculativa che nel dicembre del 1635 raggiunge una cifra pari a 15 volte l’intera ricchezza reale europea. Finchè alla fine del 1636 alcuni aristocratici, bisognosi di danaro in contanti per finanziare spedizioni navali o costruirsi un castello cominciano a vendere e si arriva al 9 febbraio del 1637 quando l’ondata di vendite si abbatte sul mercato provocando la più gigantesca catastrofe finanziaria che sia mai stata registrata nella storia.

Leggi tutto: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2013/01/il-caso-monte-dei-paschi-di-siena

 

attenti alle Clausole

testataComm


Conviene fare attenzione ai nuovi titoli di Stato.

Nel silenzio generale, sono entrate in vigore le cosiddette “clausole di azione collettiva”, sintetizzate nella sigla “CACs”, che riguardano i titoli di Stato con scadenza superiore ai 12 mesi.

Dal 1° gennaio 2013, i titoli di stato superiori all’anno di vita (esclusi quindi i Bot, che hanno scadenze dai 3 ai 12 mesi) saranno soggetti a queste clausole, introdotte ai sensi del “Trattato sul Meccanismo Europeo di Stabilità”, che purtroppo li rendono meno sicuri rispetto al passato. L’unica limitazione è la seguente: uno Stato può applicare questa clausola, abbastanza pericolosa per il sottoscrittore, solo sul 45% del totale dei titoli emessi in un anno.

Queste CACs, ovvero “clausole di azione collettiva”, sono le stesse che qualche mese fa hanno permesso alla Grecia di modificare unilateralmente le condizioni contrattuali dei propri debiti, semplicemente basandosi sul consenso dell’emittente e dei possessori del 75% dell’ammontare emesso. Nel caso greco è stato richiesto il 75% delle adesioni, ma la richiesta può anche essere inferiore: tecnicamente, basta il 33% del consenso dei creditori. In pratica, d’ora in poi basterà l’accordo fra lo Stato emittente dei titoli e le grosse istituzioni che li posseggono per modificare le condizioni del prestito e “ristrutturarlo” secondo il proprio gradimento, in barba al resto dei risparmiatori. Potrà dunque accadere che – come nel caso della Grecia – venga imposto lo scambio del titolo di Stato detenuto dal risparmiatore con nuove obbligazioni anche a chi non vi aveva acconsentito. Così, uno stato in difficoltà avrà gioco facile nel modificare le condizioni e i termini della propria emissione obbligazionaria, anche solo allungando le scadenze o modificando le cedole.

Magnifico, no? Così, in caso di default o di peggioramento delle condizioni, per il risparmiatore sarà inutile fare causa per cercare di ottenere qualche forma di rimborso. D’ora in poi, i titoli di Stato (una volta sinonimo di massima sicurezza) non avranno più una grande differenza concettuale rispetto a obbligazioni emesse da banche e società.
È la modernità, baby.

 

Niente fine del mondo

fine del mondo nasa profezia maya

Visto che l’appuntamento con la fine del mondo è saltato, vediamo di fare due conti su ciò che ci attende.
Innanzitutto, l’invecchiamento dell’Occidente si farà sentire: alla fine di questo decennio l’onda dei “cinquantini” premerà su tutti i sistemi previdenziali e sanitari, con i conti pubblici che potranno restare sotto controllo, ma al prezzo di un disgraziato menù di tagli allo stato sociale, pressione fiscale in aumento e monetizzazione del debito.

Chi investe avrà una sempre crescente tassazione del patrimonio, del reddito da capitale e delle transazioni finanziarie. La pressione fiscale diverrà sempre più progressiva: i ricchi dovranno pagare di più. La repressione finanziaria si intensificherà, al punto che qualcuno inizia a proporre di tassare l’oro. Dicono che i tassi d’interesse resteranno bassi, mentre le banche centrali continueranno ad accumulare titoli pubblici. L’exit strategy dall’accumulo di debito pubblico, che due anni fa si presentava come imminente, fra qualche anno rischierà di esser dimenticata.

In Europa il debito pubblico continuerà a crescere, dicono, ma scenderà il costo degli interessi, perché la Banca Centrale Europea interverrà ogni volta che sarà necessario. L’economia europea si stabilizzerà, ma la disoccupazione e le sofferenze bancarie – due indicatori ritardati di ciclo – continueranno a crescere. Ma l’inflazione verrà tenuta sotto controllo, grazie alle politiche monetarie espansive. L’inflazione, come si sa, viene soprattutto da due fonti: l’inflazione salariale, che certamente non vedremo né in Europa né in America finché la disoccupazione resterà alta, e l’inflazione che viene dall’aumento dei prezzi delle materie prime, in particolare delle fonti di energia: ma le prospettive che i costi dell’energia si ridurranno sono buone.

Un elemento favorevole, dicono, sarà la ripresa dell’edilizia negli Stati Uniti; quanto all’Europa, la benevolenza tedesca verso i paesi in crisi e la disponibilità della Germania e della Bce alla monetizzazione del loro debito vengono – per il momento – assicurate. I Paesi emergenti usciranno lentamente dalla fase opaca che hanno attraversato; le loro valute si riprenderanno e così faranno le loro borse. In America i settori azionari più promettenti saranno la chimica, beneficiaria dell’energia abbondante e a buon mercato, e l’edilizia, con tutto ciò che ruota intorno alla casa. Abbastanza buono dovrebbe essere il settore auto, dicono. Stentiamo a crederlo, a dir la verità, ma se lo dicono loro, noi ci adeguiamo.

 

Gli stranieri che hanno il debito pubblico italiano


Dal 28 novembre 2011, quando ci fu il “Btp Day” per promuovere l’acquisto dei nostri titoli di Stato, il valore dei Btp è cresciuto del 26%. Un ottimo affare per gli italiani che hanno comprato i titoli del debito pubblico, mentre gli investitori esteri scappavano.

Da quando è scoppiata la crisi italiana nella forma più virulenta, nel giugno 2011, la fuga è stata significativa: secondo quanto dichiarato da Maria Cannata, direttore generale del Debito pubblico del Tesoro, nell’arco di un anno la quota del nostro debito detenuta dagli investitori esteri è crollata dal 51% all’attuale 35%.

Corte tedesca

La settimana scorsa la Corte Costituzionale tedesca si è pronunciata sulla legittimità dell’Esm, il fondo permanente di soccorso ai Paesi in difficoltà della zona Euro. Come avevamo segnalato, la prevedibile sentenza di via libera sarebbe stata – altrettanto prevedibilmente – integrata con prescrizioni in grado di limitare l’operatività dei governi e dei parlamenti in tema di salvataggi. E così è stato.

Dando il loro assenso, i giudici costituzionali tedeschi si sono dunque allineati alle aspettative dei mercati e hanno consentito la partenza ufficiale del fondo Esm. Ma il dispositivo della sentenza, purtroppo, ha posto alcuni “paletti” che da molti vengono considerati assurdi. La prima condizione, che è ovvia, stabilisce che ulteriori impegni, che superino quelli già presi dalla Germania, dovranno essere approvati dal Parlamento. Ma la seconda condizione fissa in 190 miliardi – che equivale alla somma già impegnata – il tetto massimo di partecipazione della Germania al fondo Esm, il superamento del quale metterebbe in discussione la sovranità tedesca.

Cosa significa questo? Che, se venisse superata la sua attuale dotazione complessiva di 700 miliardi di euro (somma che non basterà a salvare la Spagna e l’Italia), il Fondo Esm in pratica non verrebbe rifinanziato. Questo dimostra quanto poco importi alla Germania – a dispetto delle recenti dichiarazioni positive di Angela Merkel – realizzare quell’unione politica dell’Europa da molti invocata: come dire che, se la trasformazione dell’Europa in una Federazione di Stati dovesse costare loro più di 190 miliardi, i tedeschi non ne vogliono sapere. E il colmo è che i mercati, all’indomani della pronuncia della Corte tedesca, hanno festeggiato.
 

Euro? Tranquilli.

Crisi dell’Euro: non vorremo dimenticarcene, vero? Se la settimana scorsa è stata importante, quella partita oggi potrebbe essere decisiva. Mercoledì ci saranno le elezioni in Olanda e la sentenza della Corte Costituzionale tedesca sulla legittimità dell’Esm, il fondo permanente di soccorso ai Paesi in difficoltà della zona Euro. Giovedì si concluderà la riunione del Fomc, l’organo della Federal Reserve americana che decide in materia di politica monetaria: il governatore dovrebbe annunciare un terzo programma di acquisto di bond in grado di stimolare l’economia. E venerdì 14 settembre ci sarà l’Eurogruppo, dove la Spagna potrebbe romper gli indugi e presentare la sua richiesta formale di assistenza finanziaria.

In Olanda, grazie ai successi nei dibattiti in tv del suo leader, Diedrick Samson, il moribondo Partito Luburista olandese (PvdA) è passato in cima nei sondaggi: il PvdA sta conducendo una campagna elettorale improntata al convinto sostegno all’integrazione europea. Il nemico giurato dell’Europa, il Partito della Libertà (ricorda qualcosa?), sta invece andando male e sembra addirittura tagliato fuori dalla possibilità di essere il perno della coalizione che guiderà il Paese. In perdita anche i socialisti radicali di SP, una formazione che ha posizioni antagoniste simili a quelle espresse in Grecia da Syriza.

Sul pronunciamento dei giudici costituzionali tedeschi c’è un generale ottimismo: un ipotetico verdetto contro il meccanismo di stabilità finanziaria sembra scongiurato, visto che una decisione del genere provocherebbe sui mercati finanziari una mezza catastrofe. La settimana scorsa Reuters ha interpellato in merito 20 giuristi di importanti università della Germania, e nessuno ha detto di aspettarsi una bocciatura dell’Esm. Dodici fra gli esperti interpellati ritengono che la sentenza di via libera sarà integrata con prescrizioni in grado di limitare l’operatività dei governi e dei parlamenti in tema di salvataggio di altri Paesi europei.

In Usa, giovedì il capo della Fed Ben Bernanke annuncerà il QE3 (Quantitative Easing), il terzo intervento non convenzionale di sostegno al ciclo economico. Il dato sui nuovi occupati di agosto, in calo da luglio e peggiore del previsto, ha rafforzato le aspettative in tal senso: anche le istituzioni più scettiche, come Goldman Sachs, hanno ammesso che ormai le probabilità di QE3 “hanno superato il 50%”. Il broker ha cambiato le sue stime sui termini dell’operazione e ora si aspetta che la Fed annunci un piano di acquisto da 50 miliardi di dollari al mese per un tempo indefinito, mentre il capo economista di JP Morgan stima un piano da 300 miliardi di dollari da spalmare tra questo settembre e gennaio 2013.